SSD PCIe NVMe KC1000 di Kingston

Prestazioni eccezionali per i sistemi dotati di supporto NVMe


Il drive a stato solido KC1000 di Kingston rappresenta una soluzione NVMe PCIe ad alte prestazioni ben 2 volte più veloce rispetto a un drive SSD di tipo SATA e 40 volte più veloce degli hard disk tradizionali da 7200RPM.

Tramite un’interfaccia PCIe Gen 3.0 x4 e un controller a 8 canali Phison PS5007-E7, questo drive sfrutta 4 core e il doppio della DRAM per offrire agli utenti avanzati prestazioni fulminee anche con i progetti più elaborati, assicurando una velocità di trasferimento dei dati che arriva fino a 2700MB/s.

Il drive KC1000 utilizza i driver integrati nel SO ed è compatibile con lo standard NVMe 1.2 grazie al quale gli utenti possono sfruttare appieno gli elevatissimi valori di throughput, IOPS e la bassa latenza tipica dei sistemi che supportano questo standard, sviluppato appositamente per supportare storage di tipo Flash e le relative potenzialità, che non venivano esaltate dallo standard SATA concepito per i dischi a rotazione tradizionali. Grazie ad esso è possibile rimuovere tutte le limitazioni delle prestazioni e il sistema può accedere immediatamente al dispositivo subito dopo la sua installazione.

I costruttori di sistemi ne apprezzano la grande flessibilità di progettazione, dal momento che il drive KC1000 può essere facilmente installato sia in un socket M.2 che PCI Express tradizionale tramite una scheda AIC (Add-In Card) HHHL (Half-Height, Half-Length) o M.2 2280.

Le capacità disponibili sono molto ampie e vanno da 240GB a 960GB; inoltre il drive KC1000 è accompagnato da una garanzia limitata di cinque anni, oltre che dal leggendario servizio di supporto offerto da Kingston.

CARATTERISTICHE

  • Prestazioni di livello superiore per i drive SSD di tipo client: Supera di gran lunga gli hard disk tradizionali e i drive SSD di tipo SATA
  • Sfrutta il protocollo NVMe: Realizzato per esaltare i drive SSD rispetto al precedente standard SATA che era stato sviluppato per gli hard disk tradizionali
  • Diversi fattori di forma: Possibilità di scegliere fra M.2 2280 o AIC HHHL (Half-Height, Half-Length Add-in Card)
  • Diverse capacità: Possibilità di scegliere fra capacità che vanno da 240GB a 960GB per rispondere a qualsiasi esigenza di storage di dati

SPECIFICHE TECNICHE

  • Formato: M.2 2280
  • Interfaccia: NVMe PCIe Gen 3.0 x 4 linee
  • Capacità: 240GB, 480GB, 960GB
  • Controller: Phison PS5007-E7
  • NAND: MLC
  • Letture/scritture sequenziali: 240GB: fino a 2700/900MB/s; 480GB, 960GB: fino a 2700/1600MB/s
  • Letture/scritture casuali 4k: 240GB, 480GB: fino a 190.000/160.000 IOPS; 960GB: fino a 190.000/165.000 IOPS
  • Consumo energetico: 11W in standby / .99W in media / 4,95W (MAX) lettura / 7,40W (MAX) scrittura
  • Temperature di stoccaggio: -40 C - 85 C
  • Temperature di funzionamento: 0 C - 70 C
  • Vibrazioni durante il funzionamento: picco max 2,17 G (7-800Hz)
  • Vibrazioni a riposo: picco max 20G (20-1.000Hz)
  • MTBF: 2.000.000
  • Garanzia/supporto: 5 anni di garanzia limitata con servizio di supporto tecnico gratuito

Protocollo NVMe (Non-Volatile Memory express)

Molti nuovi SSD PCIe sono anche NVMe. Acronimo di Non-Volatile Memory express, NVMe ottimizza l'accesso agli SSD connessi utilizzando il bus PCI Express.

Gli SSD in commercio, infatti, sono tipicamente AHCI o NVMe. Si tratta, in entrambi i casi di protocolli di comunicazione: il primo è sostanzialmente il protocollo SATA implementato su PCIe mentre NVMe è un protocollo progettato pensando alle tecnologie per lo storage basate sull'impiego di memorie flash NAND.

L'idea è quella di ridurre il divario tra le prestazioni velocistiche garantite dalle memorie DRAM e quelle offerte dagli SSD più evoluti.

Grazie ad un collegamento diretto con il processore attraverso il bus PCIe, il protocollo NVMe aiuta a ridurre drasticamente le latenze riducendo la dimensione dei comandi ed il numero di istruzioni richieste per completare un'operazione di trasferimento dati I/O.

Inoltre, NVMe gestisce in maniera nettamente migliore le code di lavoro permettendo lo smaltimento di 65.536 code di comandi da 65.536 comandi ciascuna (AHCI permette la gestione di una coda da 32 comandi).
()

News correlate